Etiopia

Etiopia, emozioni infinite

L'Etiopia è uno dei paesi più interessanti di tutta l'Africa. È una terra straordinaria che contempla ambienti geologici sorprendenti, una natura straripante ed una cultura millenaria.

Descrizione del viaggio

Etiopia, emozioni infinite

Da Addis Abeba a Gondar: le capitali

Si inizia dall'attuale capitale con il Museo Nazionale, già Palazzo del Governatorato italiano, con i resti della famosa "Lucy", si prosegue con il Museo Etnografico, la Chiesa ortodossa di Santa Maria. Si visita poi la Missione italiana di Don Bosco, centro per recupero dei ragazzi di strada. Il giorno successivo si parte per Debre Libanos, per la visita del famoso Monastero Ortodosso. Sul luogo, viene ricordato anche il massacro, compiuto per vendetta dal Generale Graziani contro i monaci e i pellegrini. Si fa anche un breve trekking per visitare i luoghi delle battaglie italo/etiopi. Il quarto giorno si prosegue poi per il Lago Tana, dove in barca si raggiungono gli splendidi Monasteri, con le loro pareti riccamente affrescate. Nel pomeriggio si visitano le Cascate del Nilo Azzurro.

Da Gondar ad Axum sulla Via dell'Arca.

Ci si sposta sempre in 4X4 e dal Lago Tana si arriva a Gondar. La prima visita è al Monumento del Fascio. Nel pomeriggio, invece, si visita la Città di Gondar, con gli spettacolari resti dei castelli del 600 medievale: primo su tutti il Palazzo dell'Imperatore. Si prosegue con il famoso soffitto della chiesa di Debre Birhan Selassie. Poi, seguendo la leggenda della Regina di Saba e le tracce dell'Arca dell'Alleanza, si arriva ad Axum, città santa, per visitare il suo grande patrimonio archeologico: i suoi monoliti e il Museo Archeologico. Si prosegue la visita con il Palazzo e i Bagni della Regina di Saba e la Chiesa di Santa Maria di Sion, che custodisce, secondo la credenza dei fedeli ortodossi, l'Arca dell'Alleanza, portata in Etiopia dall'imperatore Menelik I ai tempi di Re Salomone.

Attraverso l'incantevole Tigray fino a Lalibela

Si parte di primo mattino per Adua, per visitare il Cimitero degli italiani e la Missione cattolica. Si arriva poi a Yeha, capitale dell'impero axumita per la visita al Tempio della Luna, tempio pre-cristiano alto 12 m. Poi, attraversando gli incantevoli panorami della regione del Tigray, si visitano alcune delle spettacolari chiese monolitiche ortodosse disseminate fra i monti e alcuni villaggi tipici etiopi. Si arriva in seguito a Mekele, dove ci si sofferma al Fortino e al cimitero italiano. Percorrendo poi la strada per Lalibela, si ha l'occasione di osservare alcuni luoghi di battaglia degli italiani come Amba Alagi e Maychew. Infine ci si dedica in toto a Lalibela, luogo di maggior richiamo religioso dell'Etiopia, con le sue meravigliose chiese rupestri come S. Giorgio e Bet Mariam.

Destinazioni

addis abeba - bahir dar - gondar - axum - mekele - lalibela